Quali sono le cause dell’amenorrea?

 

amenorrea-cause-primaria-secondaria

L'amenorrea primaria o secondaria (rispettivamente) è considerata presente quando una ragazza ha i periodi mestruali non sviluppati per età (15, 16 anni) o quando una donna che ha precedentemente avuto un ciclo mestruale cessa di avere periodi mestruali per tre cicli in fila o per un periodo di sei mesi o più e non è incinta.

Possono essere presenti altri sintomi e segni che sono altamente variabili e dipendono dalla causa sottostante dell'amenorrea. Ad esempio, i sintomi dello squilibrio ormonale o dell'ormone maschile possono includere periodi mestruali irregolari, la crescita dei peli indesiderati, l'approfondimento della voce e l'acne. I livelli di prolattina elevati come causa di amenorrea possono determinare galattorrea (una scarica lattea dai capezzoli che non è correlata all'allattamento al seno).

Per avere una diagnosi esatta dell'amenorrea, che sia primaria o secondaria, occorre oltre ai sintomi che la accompagnano analizzare attentamente le cause per arrivare a determinare la giusta terapia.

 

 

Da cosa è causata l'amenorrea?

amenorrea-primaria-secondaria-cause

Il ciclo mestruale normale si verifica a causa dei cambiamenti dei livelli di ormoni che vanno a stimolare le ovaie. Le ovaie rispondono ai segnali ormonali della ghiandola pituitaria (ipofisi) situata nella base del cervello, che a sua volta è controllata da ormoni prodotti nell'ipotalamo del cervello. I disturbi che interessano qualsiasi componente di questo ciclo regolatore possono portare all'amenorrea.

Tuttavia, una causa comune di amenorrea nelle giovani donne, causa talvolta trascurata o fraintesa da parte delle stesse donne interessate e dai medici, è una gravidanza non diagnosticata. L'amenorrea in gravidanza è una normale funzione fisiologica che sopraggiunge come segnale dell'attesa. Occasionalmente, la stessa gravidanza sottostante può causare o contribuire all'arrivo della amenorrea primaria o secondaria. Ma c'è di più. Ad esempio, i problemi ipotalamici, l'anoressia o l'esercizio estremo possono svolgere un ruolo importante nel causare l'amenorrea a seconda dell'età della paziente.

 

Le cause dell'amenorrea primaria

amenorrea-primaria-cause

L'amenorrea primaria è in genere il risultato di una condizione genetica o anatomica nelle giovani donne che non sviluppano mai i periodi mestruali (si chiama “primaria” fino all'età di 16 anni) e non sono incinte. Molte condizioni genetiche che causano l'amenorrea primaria, hanno il limite di non fra formare normalmente durante lo sviluppo fetale alcuni o tutti i normali organi femminili interni. In altri casi in cui si verifica l'amenorrea primaria invece, gli organi interni sono formati in maniera biologicamente corretta, ma non funzionano in maniera sufficientemente adeguata.

Tra le principali complicazioni genitali ci sono dunque le malformazioni gravi dell'apparato sessuale, con mancanza o insufficiente sviluppo delle ovaie e dell'utero. Può succedere invece che le adolescenti presentino un regolare sviluppo corporeo, compresa la comparsa di peli al pube, lo sviluppo delle mammelle e degli organi genitali esterni, ma non hanno mestruazioni. Può essere dovuto ad un'insensibilità della mucosa uterina agli stimoli ormonali, ossia estrogeni e progesterone provenienti dall'ovaio.

Quanto alle cause extragenitali, sono molteplici perché possono essere legate alle disfunzioni del diencefalo e dell'ipofisi che modificano o aboliscono la produzione degli ormoni ipotalamici e ipofisari. In particolare questi, stimolando l'ovaio, causano la produzione di estrogeni e di progesterone.

Inoltre una grave deficienza dell'attività della tiroide  può essere causa di amenorrea primaria, così come le avitaminosi, i gravi stati di denutrizione, le malattie infettive croniche a partire dalla tubercolosi e le anemie gravi. Poiché l'amenorrea è un sintomo, è importante scoprire l'alterazione che la determina, e ciò richiede visite accurate e approfonditi esami clinici.

 

Cause dell'amenorrea primaria, elenco sintetico

amenorrea-visita-ginecologica

  • I disturbi all'ipofisi ed all'ipotalamo: Le malattie della ghiandola pituitaria e dell'ipotalamo (una regione del cervello importante per il controllo della produzione ormonale) possono anche, a loro volta, causare l'amenorrea primaria poiché queste aree svolgono un ruolo cruciale nella regolazione degli ormoni ovarici. Se non funzionano bene, anche il ciclo e la sua comparsa ne risentiranno.

  • La disgenesia gonadica: La disgenesia gonadica, invece potrebbe essere un'altra causa. E' una condizione in cui le ovaie sono esaurite prematuramente di follicoli e ovociti (cellule uovo): questa patologia porta ad una precoce insufficienza delle ovaie. È uno dei casi più comuni di amenorrea primaria nelle giovani donne. Ma, non finisce qui.

  • La sindrome di Turner: Un'altra causa genetica per questo disturbo che si manifesta con l'assenza assoluta di ciclo mestruale, è la sindrome di Turner: le donne che soffrono di questa particolare e complessa patologia, sono prive di tutto o in parte, di uno dei due cromosomi X, normalmente presenti nella femmina. Nella sindrome di Turner, le ovaie sono sostituite da tessuto cicatriziale e la produzione di estrogeni è minima, con conseguente amenorrea. La maturazione indotta da estrogeni dei genitali femminili esterni e le caratteristiche del sesso, non si verificano inoltre, nella sindrome di Turner.

  • Grave deficienza dell'attività della tiroide: Gli ormoni prodotti dalla tiroide influenzano il sistema riproduttivo. Una condizione di ipotiroidismo o ipertiroidismo si traduce in problemi di regolarità del ciclo mestruale fino all'amenorrea.

  • Avitaminosi: è una condizione clinica causata da una grave carenza da una o più vitamine. In condizioni estreme si può arrivare a soffrire di amenorrea.

  • Insensibilità agli androgeni ed altre cause: Altre condizioni che possono essere cause di amenorrea primaria, includono l'insensibilità agli androgeni (in cui gli individui hanno cromosomi XY (maschi) ma non sviluppano le caratteristiche esterne dei maschi a causa di una mancanza di risposta al testosterone ed ai suoi effetti), iperplasia surrenale congenita e sindrome dell'ovaio policistico.

 

 

Le cause dell'amenorrea secondaria

amenorrea-secondaria-cause

Nell'età più adulta sono diversi i motivi che possono portare a soffrire di amenorrea.

La gravidanza è una causa evidente di amenorrea ed è il motivo più comune per l'insorgere dell'amenorrea secondaria. Ulteriori cause sono varie e possono includere condizioni che interessano le ovaie, l'utero, l'ipotalamo o la ghiandola pituitaria (ipofisi).

Tra le cause genitali ci sono anzitutto quei problemi fisici che comportano determinando la distruzione o l'asportazione di uno degli organi direttamente implicati nella funzione mestruale. Parliamo di asportazione chirurgica delle ovaie o dell'utero, interruzione della funzione ovarica per mezzo di raggi X, la distruzione dell'endometrio da parte dell'endometrite tubercolare oppure la distruzione della mucosa dell'utero per mezzo di applicazioni di radium all'interno della cavità uterina. Qualora la causa sia riconducibile a questo, non esiste alcuna terapia efficace, almeno per quelle che sono le ricerche mediche attuali.

Tra le altre cause più comuni c'è un'alterazione della funzione dell'ipofisi, come nel morbo di Simmonds, dovuto a lesioni capaci di distruggere il lobo anteriore dell'ipofisi. Si verifica in alcuni casi in seguito al parto, oppure in seguito alla distruzione del tessuto dell'ipofisi causata da traumi o ancora metastasi di tumori maligni. Inoltre alcuni tumori dell'ipofisi, comunque benigni, possono essere causa di amenorrea secondaria perché comprimono o distruggono il tessuto ghiandolare della ghiandola oppure perché producono grandi quantità di alcuni degli ormoni ipofisari a scapito degli altri, determinando gravi squilibri endocrini.

Una causa di amenorrea secondaria può essere la menopausa precoce dovuta ad esaurimento del patrimonio follicolare ovarico in età ancora giovane.

 

I disturbi nel funzionamento dell'ipotalamo

ipotalamo-amenorrea

L'amenorrea ipotalamica è dovuta ad una rottura degli ormoni regolatori prodotti dall'ipotalamo nel cervello. Questi ormoni influenzano la ghiandola pituitaria, che a sua volta invia segnali alle ovaie per produrre i caratteristici ormoni ciclici.

Un certo numero di condizioni possono influenzare l'ipotalamo:

  • Estrema perdita di peso;

  • Stress emotivo o fisico;

  • Esercizio rigoroso;

  • Malattia grave.

 

Altre condizioni mediche che possono causare amenorrea secondaria

tiroide-amenorrea

In primis a causare l'amenorrea secondaria, come già anticipato, potrebbe essere la presenza di tumori o di altre malattie dell'ipofisi che portano a livelli elevati della prolattina ormonale (che è coinvolta nella produzione di latte) causano anche amenorrea a causa dei livelli elevati di prolattina.

In più c'è anche l'ipotiroidismo o la presenza di elevati livelli di androgeni (ormoni maschili), provenienti da fonti esterne o da disturbi che causano nel corpo, una produzione di livelli troppo elevati di ormoni maschili. Altre cause sono l'insufficienza ovarica e la sindrome dell'ovaio policistico.

 

L'amenorrea secondaria e la sindrome di Asherman

La sindrome di Asherman è una malattia uterina che deriva dalla cicatrizzazione della parete dell'utero dopo la strumentazione (come la dilatazione o altre operazioni simili) della cavità uterina per gestire il sanguinamento o l'infezione post- partum. Questa sindrome può provocare amenorrea secondaria.

 

Amenorrea secondaria post-pillola

amenorrea-post-pillola-cause

Un discorso a parte merita l'argomento amenorrea post pillola. Le donne che hanno smesso di prendere pillole contraccettive orali, dovrebbero sperimentare il ritorno della mestruazione entro tre mesi dopo l'interruzione della pillola. In precedenza, si è ritenuto che le pillole di controllo delle nascite aumentassero il rischio di amenorrea per le donne, dopo l'uso della pillola, ma ciò non è stato dimostrato da un punto di vista scientifico. Le donne che non riprendono la mestruazione dopo tre mesi dallo stop alle pillole contraccettive orali, dovrebbero valutare di concerto con uno specialista, le eventuali cause della loro amenorrea secondaria.

 

Quando devo chiedere assistenza medica per l'amenorrea?

amenorrea-visita-medico

È sempre opportuno richiedere l'assistenza medica per l'amenorrea. Amenorrea che non è correlata alla gravidanza o alla transizione menopausa (quando non ci sono stati periodi mestruali per 12 mesi consecutivi e nessuna altra causa biologica o fisiologica può essere identificata e la femmina è alla fine del suo bambino biologicamente determinato). Dovrebbero essere ulteriormente studiati per escludere condizioni gravi che possono provocare l'amenorrea.